Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Violet, escort transex italiana di una bellezza sfolgorante, specializzata in diverse discipline. Dal cosplay (indica la pratica di indossare un costume che rappresenti un personaggio riconoscibile in un determinato ambito ed interpretarne il modo di agire) ai giochi di ruolo, è pronta ad esaudire ogni desiderio più nascosto.

Ciao Violet, è un piacere conoscerti. Presentati ai nostri lettori…
Ciao a tutti, io sono Violet. Sono italiana, nata a Milano ma di origine siciliana e ora abito in provincia di Varese. Sono del segno dell’acquario. Una volta lavoravo nel campo della moda e sono appena tornata da New York.

Città meravigliosa. Viaggi spesso?
Si, viaggio per poter confrontare diversi paesi, realtà ed abitudini.

Che hobby hai nella vita?
Sport, lettura, arte creativa e naturalmente viaggiare!

Che tipo di persona sei?
Mi descriverei come una ragazza esuberante, eclettica, solare e passionale. Ho forti ideali di educazione e rispetto per la natura.

Come hai affrontato il tuo percorso di transizione? È stato difficile?
Non è stato per niente facile e soprattutto con nessun sostegno psicologico. Mi sono presa la responsabilità delle mie scelte.

E nel mondo delle accompagnatrici, come ci sei arrivata?
In punta di piedi, giacché non lo conoscevo. Era un mondo che esisteva ma che non avevo mai avuto ‘il piacere’ di vivere. Lentamente, l’ho scoperto da sola e ne sono rimasta affascinata.

Cosa ti ha affascinato in particolare?
Si tratta di un lavoro che prima dava parecchie soddisfazioni anche dal punto di vista di umanità, ora invece sta diventando un “supermercato”. Anche in questo settore ormai, la qualità non rappresenta più elemento di selezione. Si cerca il di più a basso prezzo…peccato. Di pregi ce n’erano di più nel passato, ora sono più i difetti.

Che differenze hai notato? Cosa cercano ora le persone da una escort?
Dal mio punto di vista, prima cercavano una compagnia, un momento di piacere umano e raffinato. Ora invece cercano soprattutto uno sfogo più volgare, animalesco e disumanizzante in cui confluisce sempre più il disagio sociale e frustrazioni personali.

Qual’è la richiesta che ti fanno più spesso?
Il rapporto orale.

Hai un sogno nel cassetto da realizzare?
Avere un compagno e vivere solo di rapporto platonico.

Per concludere, ti va di raccontare un episodio un po’ bizzarro che ti è successo nella tua attività?
Una cosa bizzarra è stata la richiesta di ricevere un rapporto orale con l’apparecchio ai denti! Ormai le fantasie sessuali non hanno più limite!

Un bacio dalla vostra Violet ITA!

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other