Si sono svolti venerdì 5 Gennaio, nella chiesa di San Giovanni Battista in Arzignano, i funerali di Alex Ferrari e Luca Bortoloso, i fidanzati di 21 anni morti martedì scorso a causa di un infausto incidente dovuto alle esalazioni di monossido di carbonio in una villetta a Ferrara di Monte Baldo (Vr), mentre si trovavano in vacanza. Nell’incidente, si erano salvate dal monossido due amiche loro coetanee dei ragazzi, che dormivano in una stanza diversa. Le esequie dei due ragazzi, per volontà dei rispettivi genitori, sono state congiunte e concelebrate dai parroci delle rispettive parrocchie di provenienza della coppia, così tragicamente scomparsa.

Il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin, si è così espresso: non ho parole per esprimere il dolore che provo nell’apprendere della morte di due giovani nostri concittadini in circostanze tragiche, a poche ore di distanza l’uno dall’altro. Quasi nulla può consolare il dolore di un genitore nel perdere un figlio. Nessuno può capirlo, tranne chi l’ha già provato. Ma voglio esprimere la mia vicinanza e quella della giunta, del consiglio comunale di Arzignano e dell’intera cittadinanza alle famiglie colpite da questi gravi lutti, sperando che possa portare un po’ di conforto“.
Invece, il parrocco di Bagnolo S. Maria, don Roberto Castegnaro, ha così commentato: “c’è rispetto per quella che è stata la loro relazione: non li consideriamo di certo pubblici peccatori, anche se la Chiesa condanna l’omosessualità esibita. Io non ho conosciuto direttamente nessuno dei due, ma non mi sembra fosse questo il caso“.
Dinnanzi a questo commento un po’ ambiguo, è intervenuta la mamma di Luca, che ha scritto sulla pagina facebook di Arcigay Vicenza un suo sentito commento: “erano fidanzati…e lo saranno per sempre. Mio figlio non si è mai nascosto. I sentimenti li ha sempre dimostrati a faccia alta, e Alex idem“. Ora, non resta che chinare rispettosamente il capo di fronte all’amore, che purtroppo non potrà avere un avvenire dei due giovani e portare loro rispetto.