Tunisia: l’appello per liberare l’attivista LGBT+Arriva dalla Tunisia e da ventuno associazioni e Ong del Paese per la difesa dei diritti umani l’appello per la liberazione immediata di Rania Amdouni. La giovane attivista e militante LGBT+ è stato recentemente condannato a sei mesi di reclusione per ‘oltraggio a pubblico ufficiale’.

Rania Amdouni è stata arrestata lo scorso 27 febbraio quando si è recata in una caserma della polizia per denunciare una campagna di minacce e diffamazione nei suoi confronti da parte dei sindacati delle forze di sicurezza ed estremisti di destra.
La condanna da parte del Tribunale di Tunisi è arrivata il 4 marzo e secondo i firmatari dell’appello, è una strumentalizzazione delle istituzioni statali ‘per regolare i conti con gli attivisti per i diritti umani e una violazione delle procedure legali’. “Perseguire i difensori dei diritti umani per le loro posizioni e idee è contrario alla legge tunisina. Questa sottopone ogni forma di espressione alle disposizioni del decreto legge numero 115 del 2021, relativo alla libertà di stampa e pubblicazione”.

Tra i firmatari dell’appello vi sono la Lega tunisina per i diritti umani, l’Organizzazione contro la tortura in Tunisia, l’Associazione tunisina per la difesa delle libertà individuali e il Forum tunisino per I diritti economici e sociali.

Continuate a seguirci per aggiornamenti.

Segui i nostri hashtag:
#coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam #diarioescort
#
incontritransexsexystar #videohot

Condividi