Riceviamo e pubblichiamo il REPORT sulla CAMPAGNA: Covid19 – Nessuna da sola! Solidarietà immediata alle lavoratrici sessuali più colpite dall’emergenza di ottobre 2020.

INTRODUZIONE

L’attivazione di una campagna di crowdfunding nei mesi di marzo e aprile 2020, mirata a sostenere le lavoratrici e i lavoratori sessuali più colpiti dall’emergenza covid-19, si è resa strumento indispensabile per fronteggiare l’escalation delle situazioni di disagio, povertà,
mancanza di tutele e ammortizzatori sociali che ha travolto le persone più marginalizzate, tra cui un alto numero di sex worker, molte delle quali migranti e sole.

Un gran numero di persone dedite ad attività di prostituzione in forma libera, concordata o costretta versavano in condizioni di vulnerabilità umana e sociale già prima dell’emergenza. Con l’irruzione di questa e il conseguente lockdown, si sono quindi ritrovate in condizioni di povertà estrema. Condizioni di necessità che in molti casi avrebbero potuto costringerle a lavorare, violando le regole, esponendosi alle relative conseguenze penali e ai rischi per la propria salute e quella collettiva.

L’attivazione dal basso si è resa obbligatoria nel momento in cui la maggior parte delle e dei sex worker – una delle categorie sociali e lavorative più discriminate, stigmatizzate e marginalizzate di sempre – non era in grado di accedere alle prestazioni sociali istituite come
misure di emergenza dal Governo.
Ecco perché organizzazioni anti-tratta, unità di strada, associazioni, collettivi di sex worker e persone alleate hanno deciso di avviare una raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso, per aiutare chi in un momento di forte isolamento si è ritrovato in situazione di bisogno estremo.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

LA CAMPAGNA

La campagna è stata creata con il preciso scopo di sostenere economicamente e con aiuti materiali le/i sex worker che si sono trovate a vivere in condizioni di forte indigenza, determinata dall’emergenza Covid-19 e che non potevano richiedere gli ammortizzatori sociali.
L’obbiettivo iniziale prefissato era quello di raccogliere 30.000 euro per andare a coprire le richieste di aiuto in tutta Italia.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

ARTICOLAZIONE DELLA CAMPAGNA

1. Le donazioni sono state raccolte sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso e sono state addebitate sul conto corrente dedicato e gestito dal Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute.

2. Il Comitato ha raccolto le numerose segnalazioni arrivate principalmente dalle associazioni e unità di strada che da anni costituiscono una rete al fianco delle sex worker a livello nazionale e costituiscono una vasta Piattaforma Nazionale attiva sul campo.

3. Le stesse associazioni, così come molti altri soggetti e persone alleate che si sono aggiunte in corsa e si sono attivate nelle loro città, hanno raccolto localmente, nei loro territori di competenza, i bisogni e le varie richieste di aiuto, valutandone l’urgenza e le necessità e inviando poi richiesta di erogazione di denaro al Comitato, che di volta in volta ha distribuito le risorse del crowdfunding.

Un primo obbiettivo era quello di raccogliere fondi per soddisfare le seguenti esigenze:
Distribuzione pacchi alimentari e generi di prima necessità
• Farmaci e presidi sanitari
• Sostegno nel pagare le utenze
• Sostegno nel pagare l’affitto per le/i sex worker in grave situazione di indigenza

►In totale sono stati raccolti 24.162 euro e erogati 23.912◄

Inoltre a maggio attraverso la rete europea ICRSE sono arrivati 3.553,97 euro per un sussidio di emergenza in relazione a COVID-19 per fornire supporto diretto a sex worker, sostegno, aiuti. Anche questi euro sono stati impiegati per pagare affitti e distribuire kit alimentari.

Anche questo report è stato realizzato nell’ambito della collaborazione con il network europeo per i diritti dei sex worker ICRSE.

RISULTATI E DATI RACCOLTI DURANTE LA CAMPAGNA

Durante tutta la durata della campagna sono stati tenuti report e rendiconti di tutte le segnalazioni arrivate e delle cifre erogate. Al termine della stessa è stato chiesto a tutte le persone, reti, associazioni che si sono attivate sui territori di rispondere ad alcune domande poste sotto forma di sondaggio.

• Le segnalazioni sono giunte da numerose città sparse su tutto il territorio nazionale, a cui è corrisposta un’attivazione.

Bologna, Trieste, Brescia, Rimini, Ferrara, Genova, Firenze, Napoli, Torino, Pavia, Messina, Catania, Monza Brianza, Torre del Lago, Roma, Parma, Treviso, Milano, Piacenza, Sassari, Peschiera del Garda, Viareggio, Forlì-Cesena, Verona.

• In una fase come quella del lockdown, non stupisce che siano stati il “passaparola” tra sex worker e le telefonate da loro effettuate ad essere le modalità principali con cui si è stabilito un contatto. La bassa percentuale di contatti tramite Unità di Strada dipende dal fatto che molte sono state ferme durante l’emergenza.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

• Il numero di contatti con sex worker avvenuti durante la pandemia si aggira intorno ai 950.
Circa il 67% erano contatti già preesistenti.

Rispetto al totale, più della metà lavora nell’INDOOR.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

• Volendo analizzare i contatti per genere, spiccano il 63% di donne cis e il 35% di donne trans.

La forbice dell’età è molto ampia, infatti si va dai 18 ai 70 anni.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

• La stragrande maggioranza delle sex worker con cui si è stabilito un contatto provengono dai paesi dell’America Latina. A seguire Italia, Nigeria e Romania.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

• In base alla provenienza e allo status sociale in particolare si sono evidenziati i seguenti dati:
– il 57% delle lavoratrici provenienti dalle zone del latino America risulta senza documenti mentre le restanti hanno il permesso di soggiorno, in prevalenza l’asilo.
– il 45% delle lavoratrici provenienti dagli stati dell’Africa risulta richiedente asilo e un 28% ha ottenuto il permesso di soggiorno.

PRINCIPALI ESIGENZE EMERSE:

La mancanza di cibo è stata l’esigenza maggiormente espressa, la percentuale si aggira attorno al 73%.
Questa esigenza è stata pienamente soddisfatta in due modi:
– Invio di pacchi e distribuzione cibo attivando le risorse territoriali delle singole città.
Invio di soldi in caso di impossibilità di attivare le suddette risorse.

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

Tra le maggiori preoccupazioni spiccano anche quelle dovute al covid-19, a cui si è cercato di far fronte fornendo informazioni comprensibili e dotando le lavoratrici di mascherine, guanti e igienizzante.

Sempre in maniera preponderante è emersa la totale mancanza di soldi per pagare gli affitti e le utenze, accompagnata dalle pressioni di molti affittuari.

Viste le altissime richieste, si sono affrontate prioritariamente le situazioni più emergenziali sotto vari profili. Non riuscendo a coprire il totale – altissimo – dei costi di affitti e utenze, in generale si è provveduto a mandare dei contributi parziali di importo uguale per chiunque ne facesse richiesta. Anche in più momenti.

Specialmente nei contatti successivi è venuta a galla un’alta richiesta in merito alla mancanza di documenti. Oltre il 60% ha ottenuto sostegno in questo senso.
La condizione di “irregolarità” ha di fatto escluso i/le sex worker migranti dall’accesso ai sostegni messi in campo dai Comuni per i cittadini residenti.

Altro dato da non sottovalutare riguarda la sofferenza espressa in particolar misura per lo stato di isolamento seguita solo nel 30% dei casi da una richiesta di supporto psicologico a cui si è riusciti a far fronte nella maggior parte dei casi.

In percentuali minori ma comunque significative troviamo le seguenti richieste/preoccupazioni:
– problemi di salute
– necessità di dispositivi di sicurezza anti-covid
gestione del sexwork durante la pandemia
sostentamento famigliare

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

Se, in merito alla sfera della salute e delle preoccupazioni, si è riusciti a soddisfare gran parte delle richieste, più complessa risulta la sfera del
sostentamento famigliare laddove intesa come rimesse.

Durante le attività di contatto svoltesi sul territorio nazionale si sono riscontrati diversi casi di sfruttamento, in particolare legati all’impossibilità da parte delle sex worker – nello specifico migranti – di pagare gli affitti durante il lockdown. I proprietari, descritti a volte esplicitamente come sfruttatori e a volte no, hanno fatto un fortissimo pressing per ricevere i soldi e in un paio di casi hanno usato violenza e buttato una lavoratrice fuori di casa. Lavoratrice poi accolta in struttura protetta.

In generale gli affitti e le utenze richieste avevano costi fortemente sproporzionati e fuori mercato.
E’ stato inoltre segnalato un sistema di sfruttamento e coercizione all’interno di una comunità di lavoratrici trans brasiliane che obbligavano le nuove arrivate a lavorare. Tutto questo in una situazione di convivenza forzata e sovraffollamento (17 in tre stanze con teli per terra per dormire).

Il numero di sexworker che sono state nei fatti supportate grazie al crowdfunding è di circa 222, due terzi dei quali donne trans. Mentre sono circa 348 le lavoratrici e i lavoratori sessuali conosciute/i durante il lockdown e con cui sono stati attivati percorsi, reti o vengono mantenuti i contatti.
In generale, le comunità di sex worker trans provenienti dall’America Latina, sono risultate quelle che hanno fatto maggiormente passaparola tra di loro e hanno chiesto aiuti concreti.

PRINCIPALI DIFFICOLTA’ E NECESSITA’ EMERSE NEL POSTLOCKDOWN IN MERITO AL SEXWORK E RISPOSTE MESSE IN CAMPO

Ovviamente l’emergenza non è finita con la fine del lockdown.
Chi fa sex work si trova ancora in una situazione di forte crisi data da diversi fattori tra cui la drastica diminuzione della clientela che, oltre a pretendere prestazioni a costi sempre più bassi, non sembra preoccuparsi del virus ancora in circolazione.

Permangono le difficoltà economiche (molte non hanno ancora pagato gli affitti arretrati), l’indigenza, l’assenza di tutele e l’impossibilità di accedere agli aiuti statali. Il numero di aiuti di tipo alimentare e per le spese sanitarie in diverse regioni è ancora alto.

Le ripercussioni psicologiche dovute alla paura data dal protrarsi della propria situazione di indigenza, affiancata a quella di un eventuale futuro lockdown, hanno prodotto diverse richieste di sostegno psicologico.
Nell’ambito della salute cresce l’esigenza di fare visite mediche di controllo attraverso il sistema sanitario nazionale.
Molte lavoratrici trans hanno richiesto di avviare un percorso per prendere gli ormoni e per effettuare visite e controlli per varie patologie.

Con la ripresa delle Unità di Strada è anche emersa in molti casi una bassa percezione del rischio contagio da covid-19 tra le lavoratrici, così come un aumento della paura da parte dei clienti di essere oggetto di controlli.

In alcune città sono state emesse ordinanze contro la prostituzione su strada, come nel caso della città di Rimini. Questo comporta una massiccia presenza delle forze dell’ordine che multano le sex worker.
É in corso da molte parti il dibattito sull’esigenza di avviare o implementare progetti e unità di contatto specifici per l’INDOOR.

La percentuale di richieste di aiuto da parte di sex worker migranti per ottenere il permesso di soggiorno è molto alta. In generale viene esplicitata la necessità di un aiuto nell’affrontare la burocrazia in vari ambiti. La chiusura delle questure ha creato smarrimento e ritardato le procedure per i rinnovi e la consegna dei documenti.

Altre richieste riguardano la volontà di intraprendere un altro lavoro, fare dei corsi di italiano e corsi di formazione professionale.

VALUTAZIONE DELLA CAMPAGNA

I soggetti promotori della campagna, così come tutte le persone che si sono attivate nei territori, sono stati invitati ad esprimere un giudizio di valutazione su diversi aspetti della campagna dando nel 99% dei casi i giudizi BUONO e OTTIMO per tutte le seguenti voci proposte:
Ideazione e impostazione della campagna
Comunicazione
Gestione delle risorse
Raggiungimento dell’obbiettivo
Utilità della campagna

Teniamo a sottolineare che alcune delle associazioni promotrici della Campagna hanno alla fine proposto di attivare un Fondo di Solidarietà Permanente, con lo scopo di essere in grado di affrontare alcune emergenze che periodicamente ci vengono segnalate.
Anche alla luce della situazione attuale, ovvero di un’ emergenza che tuttora persiste, sarebbe un obbiettivo importante su cui spendersi e da raggiungere.

RINGRAZIAMENTI

L’alto numero di persone, associazioni e gruppi che si sono attivati per sostenere la campagna è stato ciò che ci ha davvero permesso di raggiungere obbiettivi che mai avremo creduto possibili.
È purtroppo impossibile fare un elenco completo. Molte delle persone che hanno dato una mano nemmeno le conosciamo, ma sappiamo che ci sono state e questo significa che la solidarietà è stata davvero capillare.
A tutte e tutti vanno i nostri ringraziamenti di cuore, così come a chi ha donato alla piattaforma, chi ha creato iniziative parallele di appoggio, chi è corso da una parte all’altra delle città, chi ci ha dato spazio sui media, chi ha raccolto segnalazioni, chi ha dato una mano ma soprattutto il cuore.

Consapevoli del fatto che inevitabilmente dimenticheremo qualcuno, vogliamo in particolare ringraziare: Barbara Bonomi Romagnoli, Edizioni Minoritarie, Conigli Bianchi, AthenA, Regina Satariano e l’Associazione Consultorio Transgenere di Torre del Lago, Radio Onda d’Urto, Radio Città Fujiko, Radio Onda Rossa, Radio Blackout, Pasionaria, Silvia Minali, The Submarine, Frad, Zerocalcare, Giulia Zollino e Francesca Ceccarelli con il loro progetto “Spettinate”, il collettivo di dj Witches are Back, Le Sberle, gruppo di pugilato femminista, insieme a tutte le palestre popolari di varie città che hanno donato il loro allenamenti, Sandra Landi, il gruppo musicale STORM{O}, Non Una di Meno, il Non Collettivo Queer, Basaglia Grazie Band, Associazione Almaterra Torino, Il Piccole Magazine, Laurella Arietti attivista transfemminista, il Laboratorio Autogestito Paratodos di Verona con il progetto SOS Spesa Paratod@s.
Ringraziamento speciale a ICRSE http://www.sexworkeurope.org/

REPORT CAMPAGNA: Covid19 - Nessuna da sola!

Il presente e il futuro restano incerti, ma la solidarietà per fortuna è sempre viva!

ALLEGATI
1) Lista delle organizzazioni promotrici del crowdfunding :
Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute onlus
pagina facebook Responsabile: Pia Covre (lucciole.pordenon[at]gmail.com)
Collettivo transfemminista di sex workers e alleate/i Ombre Rosse
Sito https://ombrerosse.noblogs.org/ Contatto:ombrerosse.info[at]gmail.com
Luna blu – Centro Donna Giustizia – Centro Donna Ferrara
Sito: www.centrodonnagiustizia.it Responsabile: Valeria Ruggeri (uds[at]donnagiustizia.it)
Atn- Associazione transessuale Napoli
Sito: https://www.facebook.com/AssTransNA/ Responsabile: Ileana Capurro
PIAM onlus
Sito: piamonlus.org Responsabile: Alberto Mossino (piamonlus[at]yahoo.com)
Equality Cooperativa Sociale
Sito: equalitycoop.org Responsabile: Barbara Maculan (presidenza[at]qualitycoop.org)
Associazione Mimosa
Sito: associazionemimosa.org Responsabile: Gaia Borgato (presidenz[at]associazionemimosa.org)
Ora d’Aria
Responsabile: Carmen Bertolazzi (oradariaonlus[at]gmail.com)
Cooperativa Soc. Dedalus
sito: www.coopdedalus.it Responsabile: Andrea Morniroli (andreamorniroli[at]libero.it) e Jean Dhainaut (tratta[at]coopdedalus.org)
Associazione Lule Onlus
Sito: https://www.luleonlus.it Responsabile: Sara Virzi (comunicazione[at]luleonlus.it)
Mit Movimento identità Trans Associazione Onlus
Sito: https://mit-italia.it/ Responsabile: Porpora Marcasciano (anna.damaro[at]mititalia.it)
CAT Coop. Soc. Firenze
Sito: https://www.coopcat.it/ Responsabile: Serena Mordini (serenamordini[at]gmail.com)
Progetto Stella Polare
pagina fb Responsabile: Letonde Hermine Gbedo (stellapolare.trieste[at]gmail.com)
Associazione Penelope Coordinamento solidarietà sociale Onlus
Sito: www.associazionepenelope.it Responsabile: Oriana Cannavò (tratta[at]associazionepenelope.it)
Parsec Cooperativa
Pagina fb – Responsabile: Federica Gaspari (f.gaspari[at]cooperativaparsec.it)
Tampep Italia onlus
Sito: https://www.tampepitalia.it/ Responsabile: Giovanna Piera Viale (info[at]tampepitalia.it)
Il cammino
Sito: https://www.ilcammino.org/ Responsabile: (direzione[at]nuovivicini.it)
Nuovi vicini Coop
Sito: http://www.nuovivicini.it/cooperativa/ Responsabile: Ivana Latroffa (direzione[at]nuovivicini.it)
La tenda Onlus
Sito: http://www.la-tenda-onlus.it/unita-di-strada-di-latina.html Responsabile: (segreteria[at]progettotenda.net)

2) Link alla campagna:
https://www.produzionidalbasso.com/project/covid19-nessuna-da-sola-solidarietaimmediata-
alle-lavoratrici-sessuali-piu-colpite-dall-emergenza/

3) Report effettuato dalla piattaforma Produzioni dal Basso in merito alle donazioni
https://my.pdbstats.com/685f6fa09539f0013302b7f4184cc092

Clicca qui inoltre per guardare le video interviste a Pia Covre!

Condividi