Dai set hard ad una cattedra prestigiosa

Carlo Masi, nome d’arte di Ruggero Freddi, classe 1976, è un ex attore pornografico italiano, di Roma, che ha lavorato, fino a pochi anni fa, negli Stati Uniti come modello esclusivo dei Colt Studios. Oltre alla sua nota carriera come attore hard, Carlo si è distinto l’anno scorso per aver conseguito, per la seconda volta, la laurea, questa volta in matematica, con il massimo dei voti. Ora, è stato chiamato per tenere un ciclo di lezioni di Analisi I alla facoltà di Ingegneria Clinica all’Università La Sapienza di Roma. Si aprono dunque per lui le porte di una carriera da docente universitario: ma vediamo insieme il suo percorso professionale, decisamente atipico.

Dopo la laurea con lode in Ingegneria informatica, ha fatto i lavori più disparati fino alla vera vocazione: nel 2004 decide di diventare porno attore gay e da quel momento, per il mondo, Ruggero diventa Carlo Masi. Da allora, è tutta una ascesa nel mondo dell’hard, dove riesce ad affermarsi come uno degli attori più celebri e richiesti della categoria. Carlo però non si dedica solo al mondo del porno; nel 2009 infatti debutta a teatro con lo spettacolo “Senzaparole“, portato in scena a Bologna con la compagnia Teatri di Vita e che gli fa ottenere il riconoscimento da parte della stampa nazionale, con interviste sui più prestigiosi quotidiani italiani. Nel 2010 partecipa poi come ospite alla trasmissione Chiambretti Night e su Rai 4 a Sugo.
Nel 2013, però, qualcosa scatta in Carlo: decide di smettere i panni di principe dell’hard e torna sui banchi di scuola: conseguisce quindi una seconda laurea in Matematica, vince una borsa di studio e un dottorato in analisi matematica gli fanno ottenere la cattedra presso l’Università. Un traguardo decisamente alto che conferma, una volta di più, che bellezza ed intelligenza possono andare tranquillamente a braccetto assieme. Noi, siamo sicuri che le sue lezioni saranno probabilmente le più frequentate di tutto l’Ateneo…e chi se lo fa scappare, un professore così?

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Condividi