Miss Trans Europa 2019 è alle porte e si preannuncia come un’edizione davvero esplosiva. Il 12 e 13 luglio, le concorrenti infiammeranno il palco della Mostra d’Oltremare di Napoli, sfidandosi per aggiudicarsi il titolo di più bella trans d’Europa.

La kermesse, sponsorizzata da Piccole Trasgressioni e Piccole Magazine TV, non sarà solo occasione per celebrare la bellezza transgender ma, come ogni anno, sarà un’importante vetrina per dar voce a una comunità troppo spesso discriminata ingiustamente. Miss Trans Europa ha sempre affrontato tematiche sociali di spessore: l’anno scorso si è parlato delle adozioni LGBT, quest’anno, l’organizzatrice Stefania Zambrano, ha deciso di parlare di un argomento forse ancora più delicato: la posizione della Chiesa riguardo la comunità arcobaleno.

Stefania, Miss Trans Europa è da sempre un palco importante per parlare dei diritti della comunità LGBT, con un occhio di riguardo all’omofobia e transfobia. Quest’anno sappiamo che hai intenzione di parlare della Chiesa, cosa nello specifico?
Grazie alla legge Cirinnà, oggi noi popolo Lgbt ‍siamo finalmente considerate persone. Ci sono stati riconosciuti diritti che per tanti anni ci sono stati negati, come le unioni civili e con l’augurio che la legge Cirinnà riguardi anche l’adozione in futuro.
Per quanto riguarda il clero è storia nota che la Chiesa cristiana cattolica riconosca soltanto la famiglia tradizionale: cioè fondata tra uomo e donna. Tutti gli altri rapporti sono considerati diversi e quindi negati a priori.

Cosa ne pensi del fatto che condanna tipi di famiglie diverse da quelle tradizionali?
Il mio pensiero è che gli arresti fatti in America ai danni di Cardinali ci fa capire che i tempi stanno finalmente cambiando: toccare cariche così alte prima era impensabile e si viveva con omertà certe situazioni oltraggiose.
La mia speranza è che il clero abbandoni questa ipocrisia e si faccia una analisi di coscienza, siamo tutti umani, tutti uguali, tutti con lo stesso diritto di amare, essere amati e formare una famiglia.

Tornando a parlare del concorso, ci puoi anticipare qualche altro ospite presente?
Oltre a Tarantina Taran, madrina del concorso, ci sarà il cantante Ciro Muoio, Arianna Maravolo, Miss Campania 2018, l’opinionista Carmine Ruggiero, Sara Finizio, vincitrice dell’edizione 2018, Anna Brancati, attrice di Gomorra e agguerrita opinionista, il giornalista Antonio D’Addio, l’avvocato Ileana Capurro, presidente di Atn (Associazione Transessuale di Napoli), e Marzia Mauriello, docente di Antropologia Medica. E non solo…vi garantisco un effetto sorpresa molto grande, per ora top secret… non vi resta che venire al concorso! Vi aspetto!

Vi ricordiamo che la kermesse sarà trasmessa in diretta streaming su Piccole Magazine Tv.