Abbiamo avuto una piacevole chiacchierata con Maruska Starr, eclettica e talentuosissima Drag Queen e artista romana, tra le più apprezzate e volute sui palchi di tutti i locali più famosi d’Italia. Nel suo lungo curriculum, Maruska è stata anche conduttrice del concorso Miss Trans Lazio 2017, di Miss Barbie Transex 2015 e vincitrice nazionale 2017 al Miss Oscars Of Drag Queen Italia 2017.

Buongiorno Maruska, grazie di questa intervista. Allora, ti va di raccontarci un po’ di te?
Ciao Piccole Magazine, sono Maruska Starr, una Drag Queen Cantante Italiana. Sono sulle scene dei migliori locali e serate italiane da quasi 10 anni, vengo dal mondo del teatro e del cinema quindi sono una professionista poliedrica, versatile, capace di cantare, recitare, condurre, intrattenere ed essere molto comica per il pubblico.

Tutte queste qualità ti hanno fatto fare carriera anche nel mondo dei concorsi di bellezza, che tu presenti con successo. Secondo te, quali sono le caratteristiche necessarie per lavorare in quel mondo?
Una brava organizzatrice deve essere prima di tutto essere precisa e sapere quello vuole: quindi, idee decise e ben piantate per terra. Abbiamo tutti grandi idee sui nostri eventi ma bisogna sempre adattarsi alla situazione e ai mezzi che abbiamo a disposizione, quindi serve anche spirito creativo per saper avvicinarsi il più possibile alla nostre idee.

In marzo hai organizzato e condotto il concorso “Beauty Queen – selezioni Lazio“, dedicato alla bellezza Drag Queen.
Si, un evento, svoltosi a Roma, che ha riscosso molto successo. Si sono sfidate in passerella 9 concorrenti e le finaliste, accederanno di diritto al concorso nazionale per eleggere la più bella Drag Queen d’Italia, che si svolgerà prossimamente a Bologna.

Fare l’organizzatrice è decisamente impegnativo. Può essere un impegno occasionale o diventare una professione vera e propria?
Può capitare che ti venga chiesto di organizzare un concorso perché qualcuno é venuto meno a questo compito e quindi capita di organizzare una o due volte una cosa senza averlo preventivato, ma di norma questo è un lavoro che non tutti riescono a fare, perché esistono delle regole organizzative ben precise da seguire e bisogna possedere un carattere forte e sopratutto paziente per tenere testa ai moltissimi imprevisti che potrebbero capitare.

Quando hai sentito il desiderio di organizzare il primo concorso?
Il primo concorso, più che organizzarlo, l’ho prima inventato e poi organizzato insieme a dei miei amici e colleghi di una famosa serata Disco Gay Romana, che negli anni è cresciuto, ed ha continuato anche dopo che la collaborazione con questa organizzazione è finita.

Come si chiamava?
Si chiamava in principio “You on stage”, poi diventato Giam Academy per poi approdare al Gay Village e trasformarsi in Gay Village Academy.

Quale è la cosa che ti piace di più quando organizzi un concorso?
Mi piace creare uno spettacolo, il più completo possibile. Dove lo spettatore rimanga sempre sorpreso grazie ai contenuti artistici e creativi che propongo. Mi piace valorizzare al massimo le concorrenti e farle sentire tutte a loro agio e cariche per il palcoscenico.

Hai qualche presentatrice preferita a cui ti ispiri?
Beh, a parte le direzioni artistiche delle varie serate e organizzazioni con cui ho collaborato, che mi hanno introdotto in questo mondo e mi hanno insegnato tanto negli anni, posso dire che una persona invece con cui negli ultimi anni sto collaborando molto e con cui mi fa molto piacere ogni volta lavorare in veste di conduttrice è Gisela Beauty. Con la sua Agenzia “Beauty Eventi”, riesce a creare concorsi ed eventi di altissima qualità , dove le concorrenti sono trattate con i guanti e ogni evento ha contenuti spettacolari, con scenografie bellissime ed effetti speciali.

Si sente che è una professione a cui ti dedichi con entusiasmo. Pensi mai al giorno in cui magari smetterai di organizzare concorsi, se succederà?
Questa domanda al momento non ha risposta (ride). Continuerò per moooolto tempo questa attività.

Progetti per il futuro?
Stanno arrivando tanti nuovi format d’intrattenimento che sto studiando col mio staff e con le varie serate che mi ospitano. Ma per il momento è ancora tutto top secret (ammicca), ogni cosa a suo tempo. Sperando di trovare ancora la vostra collaborazione. Volevo cogliere l’ occasione per ringraziare ancora Piccole Magazine e Piccole Magazine Tv per questa intervista e per essere stati lo sponsor principale di “Beauty Queen Lazio”, per essere stati carinissimi e disponibilissimi ad aiutarci a creare un evento che ha riscosso grande successo e consensi da parte del pubblico.

Grazie a te Maruska Starr, in bocca al lupo per tutto e ci vediamo prestissimo!

 

Salva

Salva

Salva