Irma Testa: la storia della campionessa olimpionica Costume & società

Irma Testa: la storia della campionessa olimpionica

Share:

Irma Testa: la storia della campionessa olimpionicaOspite di uno dei salotti più favosi della televisione, Verissimo, la campionessa olimpionica Irma Testa, ha aperto il suo cuore, raccontando momenti e rapporti molto personali. Dal suo amore per il pugilato al rapporto speciale con la madre Anna, senza tralasciare il suo coming out e la sua infanzia, ha rilasciato un’intervista molto toccante.
L’atleta ha dunque ripercorso la sua storia, sportiva e non, emozionandosi ed emozionando il pubblico.
Cresciuta a Torre Annunziata, in una famiglia numerosa, è cresciuta con non pochi momenti di difficoltà. Non è mai mancato però l’amore dei suoi cari, che nel tempo si è rivelato la forza motrice delle sue scelte. “La mia infanzia è stata bella tutto sommato. Ho sempre avuto l’amore della famiglia, però già da piccolina ho visto i sacrifici che i miei genitori hanno fatto. Momenti bui ce ne sono stati tantissimi, a volte non riuscivamo a comprare cose da mangiare, però grazie all’amore siamo sempre riusciti a trovare aiuto dai nonni o dagli zii e viceversa“.
È stato lo sport, nello specifico il pugilato, a salvarla. È stato quindi la valvola di sfogo della sua adolescenza: “Ho visto il pericolo. Ho visto i miei amici perdersi. Il pericolo lo conosco, e proprio per questo ho scelto questa strada. So quanto è facile prendere una strada sbagliata. Lo sport è stata una via di fuga che non mi aspettavo di trovare“.
Tra le grandi figure della sua vita ci sono sicuramente la mamma e il suo maestro. È stato per lei una figura determinante che le ha permesso di rialzarsi e combattere anche quando pensava di non avere speranze.

Irma Testa: la storia della campionessa olimpionicaMa tornando al rapporto con la mamma, durante la puntata, la conduttrice Silvia Toffanin, le ha letto una sua lettera. Orgoglio, amore e fierezza sono i sentimenti principali che emergono, che emozionano molto Irma che la descrive come una ‘donna di ghiaccio’ che però è stata in grado di darle supporto in tutti i momenti. Sua mamma infatti era li anche quando lei voleva abbandonare il pugilato, dopo aver perso alle Olimpiadi di Rio de Janeiro: “In quel momento è stata bravissima. Mi ha fatto da specchio e ci è riuscita benissimo. È come se avesse voluto dirmi ‘vuoi diventare come me’? E io non voglio diventare come mia madre, ma non perché mia madre non sia una donna che vale, lei è molto in gamba. Per essere un’atleta credo che bisogna essere egoisti. Una persona che desidera delle cose deve essere egoista, e io un po’ lo sono. Lei ha voluto dirmi ‘se diventi come me non potrai pensare a te stessa’” ha spiegato.
Hanno poi trattato l’argomento omosessualità e la difficoltà di parlarne nel mondo dello sport. “Io l’ho detto a mia madre che avevo 15 anni” ha raccontato. “Le ho detto subito che non sapevo se potevo parlare con lei di queste cose. Non se ne parlava e non sapevo nemmeno che potesse esserci questa differenza. Poi sono uscita fuori e ho scoperto che non è così. Che ci si può innamorare di chiunque, e allora l’ho detto a mia madre. È stata una roccia anche in questa circostanza, mi ha detto che per lei l’importante era che io fossi felice. Ha aperto i suoi pensieri e la sua testa per rendere felice me!“.
Ha poi spiegato che recentemente i rapporti con suo padre sono molto migliorati perché è riuscita a mettere da parte il rancore.

Insomma una bella storie…incoronata con una medaglia olimpica!

Segui i nostri hashtag:
#olimpiadi #atleta #atletalgbt #irmatesta #medaglia #medagliaolimpica #atletaolimpionica #medagliaolimpionica #atletaolimpica #lgbt #omosessualita #comingout #sport #sportlgbt #verissimo #canale5 #trans #transex #queer #transformista #transformisti #drag #dragqueen #piccole #magazine #piccolemagazine #piccoletrasgressioni #makeup #spettacolo #coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam #diarioescort #incontritransexsexystar #videohot #moviehot