Oggi Piccole Magazine vi presenta l’insegnante di Yoga Maria Angelica Davila Truelo, tra le più apprezzate a livello mondiale. Le sue parole sono da subito illuminanti: “lo Yoga è un continuo viaggio di crescita e accettazione di sé. Questo mi ha portato a connettermi, sviluppare l’auto-empatia, accettare senza giudizio, fidarmi e lasciarmi andare con il flusso della vita”.

Attraverso la pratica di Yoga e meditazione ha imparato ad usare il perdono e la gratitudine come strumenti di guarigione e attualmente, aiuta le altre persone ad essere liberi da paure e dolori emotivi. “Le mie lezioni di Yoga riflettono i principi con cui vivo. Incoraggiare le persone a trovare il loro spazio interiore, a connettersi con la loro essenza naturale: amore, pace, compassione e gioia”. Con lei apprenderemo come assumere un nuovo stile di vita, imparando a sostenere le sfide di ogni giorno e cambiare i nostri pensieri grazie ad un approccio positivo, favorito da questa affascinante disciplina.

Buongiorno Angelica, è un onore per noi averti qua. Allora, tu insegni ad altri maestri di Yoga in tutto il mondo grazie alle tue certificazioni riconosciute come le più alte a livello mondiale.
Grazie a voi per questo invito. Si, quando cominciamo questo cammino non ci si può fermare, è realmente una cosa che ti cambia. In realtà io sono giornalista e non avevo mai pensato di diventare insegnante di yoga: quando ho pensato d’inserirmi in questo mondo ne ho potuto vedere i benefici, che mi hanno portato a condividere le mie esperienze.
E’ questo quello che succede quando si scopre lo yoga, scatta una necessità di condivisione con gli altri, non solo con te stesso. E’ parte del tuo processo di evoluzione, vogliamo come ricominciare e condividere i benefici con tutti: sappiamo che il mondo ha bisogno di questo.

Come dici tu, stiamo assistendo a tanti cambiamenti a livello mondiale e davvero lo yoga è una cosa che ispira tranquillità. Con te vorrei parlare dell’umanità come parte centrale di questa disciplina. Si può definire lo Yoga come un’arte, uno sport, uno stile di vita?
Per me è uno stile di vita e la cosa più bella è che quando lo pratichi sui due metri di lunghezza del tappetino, provi da subito un grande impatto.

E’ uno stile di vita con una filosofia millenaria e più lo fai, più la tua vita subirà mutamenti. Questo si può sentire in ogni postura di “balance”: ad esempio, quando facciamo la postura dell’arco essa si riflette nella tua vita. Soprattutto quando si passano situazioni di cambiamenti come divorzi, impegni lavorativi etc, le persone, grazie allo yoga, vedono che così come riescono a restare in equilibrio sul tappetino, riescono nella vita. Esercitarsi ogni giorno o settimanalmente o 2-3 volte, ti darà la forza per cambiare e affrontare la vita in modo diverso.

Maria Angelica Davila Truelo: ‘creiamo il nostro futuro oggi!’Perfetto, vuol dire che lo yoga può essere praticato da qualsiasi persona, senza nessun limite di pensiero, religione e situazione?
Assolutamente, lo yoga può essere fatto da qualsiasi essere umano. Le persone che stanno passando situazioni difficili, oppure tutti coloro che soffrono, che hanno dei problemi, trovano nello yoga uno spazio di calma. In questa disciplina, c’è una variante conosciuta come “antashta” dove ti trovi “immerso” nel tuo mondo interno: niente viene da fuori. Tutti lo abbiamo dentro di noi, dobbiamo solo trovarlo ma non è possibile accada se prima non pensiamo di costruirci come essere umani. In realtà, possiamo dire che siamo anche di più, siamo anche esseri creatori, e attraverso lo yoga troviamo lo spazio in cui siamo solo uno, fuori dalle storie della mente, fuori dall’orientamento sessuale, nazionalità: siamo una solo…essenza.

Come Piccole Magazine diamo sempre attenzione alle persone LGBT. Con lo Yoga, può una persona che ha sofferto di bullismo, discriminazioni, maltrattamenti psicologici, abusi a causa del cambio fisico e orientamento sessuale, trovare sollievo? Lo Yoga può aiutare chi si sente influenzato da una società che non ha ancora maturato il concetto della sessualità?
Certo, uno dei miei principali maestri mi ha insegnato che è attraverso la sofferenza che possiamo imparare e sentire la necessità di trovare nello yoga un’attività che aiuta a trovare uno spazio di tranquillità e pace. Siamo essere umani e non importa se siamo lesbiche, gay, trans: al di là della nostra identità sessuale e di come possiamo essere chiamati, in essenza siamo uno e così quando ci connettiamo diventiamo amore puro, compassione e generosità.

Questa è la vera essenza della natura umana fuori dalla sofferenza, dal trauma, dalle storie della gente e dalle opinioni altrui. Quando capiamo questo e vediamo che siamo solo uno, quando vedi che quello che succede a me succede a te e viceversa, che quando ti faccio un danno lo faccio a me stessa, allora scatta la comprensione totale e l’integrazione.

Maria Angelica Davila Truelo: ‘creiamo il nostro futuro oggi!’Bellissimo messaggio, bellissime parole. La tua presenza ispira pace e armonia e il mondo intero ne ha bisogno per andare avanti. Quale sarebbe il tuo messaggio come “guaritore spirituale” alle persone transessuali e alla comunità LGBT*? Cosa può consigliare Maria Angelica Davila Truelo a chi ancora non ha trovato se stesso?
La risposta e la voglia di cambiare si trova dentro ognuno di voi. Adesso con la tecnologia si può accedere accedere alla pratica dello yoga online, così, se vicino non si ha un centro di yoga puoi farlo anche da casa. Ogni mattina, appena ti siedi sul letto prima di cominciare la giornata, senza aprire gli occhi, trova sempre ragioni per ringraziare, per respirare.

Questo è un sentimento nobile e quando ti connetti ad esso, l’universo ti darà ancora più ragioni per dire grazie! E’ una cosa che faccio ogni giorno ed è importante sapere che tutti noi abbiamo il potere di creare il nostro futuro oggi, vivendo il presente, attraverso la meditazione e il pensiero positivo.
Trovate il modo di realizzare gli obiettivi: nel momento in cui si è completi, si avrà un segnale che ci indicherà che quello di cui abbiamo bisogno già lo abbiamo. Sono processi che arrivano con la meditazione e l’esercitazione di diverse posture e metodi respiratori.

Soprattutto la respirazione. In una quotidianità fatta di tanti impegni, trovare un attimo per respirare è veramente importante…
Sì e scusa se ti interrompo… parliamo di quando la gente dice “Non ho il tempo!”. E’ proprio lì che si ha più bisogno di prenderselo, anche svegliandosi un po’ prima alla mattina. Lì possiamo pensare a noi, connetterci con la nostra essenza. E’ un processo evolutivo e bisogna trovare il modo piano piano. Come vi ho detto, anche chi dice di non avere tempo può trovare online tante app di Yoga, anche per mobile.
La tecnologia ci ha reso le cose più facili. Dove possiamo trovarti sui social per seguirti e iniziare con te questo bellissimo stile di vita?

Potete trovarmi su internet su mangeldayoga.com, sia su Facebook sia su Instagram.

Maria Angelica Davila Truelo: ‘creiamo il nostro futuro oggi!’Adesso abito a Ibiza in Spagna e proprio qua sto facendo tanti ritiri di yoga, seminari e tante altre attività in questo paradiso naturale in cui potete sentirvi coccolati. Mi piace molto ricevere tutte le persone che hanno bisogno di yoga, quando vengono qui dicono sempre “Wow!” come se fossero bambini che vedono cose nuove (sorride). Così, creiamo insieme un modo di connetterci con noi stessi. Ibiza non è tanto lontano dall’Italia, quindi, potete venire quando desiderate, sarò sempre in attesa di tutti voi!

Quindi, sul tuo sito web possiamo prenotare, condividere, essere parte della tua scuola, uscire della quotidianità e cambiare un poco i pensieri che ci fanno credere diversi e senza diritti. Grazie a te abbiamo capito di essere un solo essere e anche la comunità LGBT ti dice grazie. E’ stato un vero piacere averti con noi, speriamo di fare presto un’altra intervista per approfondire il tema.
Grazie a voi, se volete inviarmi messaggi tramite i social, come coach, se qualcuno della comunità LGBT vorrà scrivermi, sarò lieta di rispondere e condividere la mia conoscenza. A presto!

Grazie Maria Angelica Davila Truelo.