Miss Trans Web 2017 sez. SudAmerica

Travolgente, simpaticissima ed entusiasta di essersi aggiudicata l’ambita fascia di Miss Trans Web 2017 per la categoria SudAmerica al concorso nazionale di Miss Trans Italia SudAmerica: questa è Itana Correia, bellissima 31enne brasiliana.

Ciao Itana, congratulazioni, sei stata la più votata dal pubblico, come ti senti?
Grazie mille, sono felice e mi sento comunque vittoriosa, è sempre bello avere una conferma di gradimento, un’accettazione così ampia da parte del pubblico.

Assolutamente, ti va di parlarci un po’ di te?
Ho 31 anni e sono nata sotto il segno dei gemelli a Salvador de Bahia, in Brasile. Di noi gemelline dicono che siamo un po’ pazze; sicuramente siamo molto sveglie e non ci facciamo mettere i piedi in testa da nessuno, ma siamo buone di animo. Dal 2009 abito in Italia a Caravaggio, una cittadina in provincia di Bergamo e per lavoro faccio animazione e immagine nei locali.


Che tipo di persona sei fuori dalle luci dei riflettori?
Sono una persona molto solare, mi piace ballare, curare la bellezza; mi tengo in forma andando in palestra, faccio fitness. In generale, sono molto curiosa, mi piace realzionarmi alle persone, cercare di capirle. La mia grande passione però sono gli animali: pensa che ho cani, gatti, conigli, una tartaruga, uccellini e anni fa tenevo anche dei serprenti.

Caspita, hai un vero e proprio zoo in casa!
Si! (ride). Penso che gli animali siano la forma di amore più pura che possiamo avere nel mondo di oggi.

Tornando alla “vita da miss”…che caratteristiche deve avere, per essere tale?
Una miss deve essere ovviamente bellissima ed avere un portamento elegante. Però credo che debba essere anche una persona di animo nobile, di buoni principi ed intelligente, carina ed educata; felice e solare, queste sono cose che colpiscono molto una giuria.

Cosa ti piace di più quando partecipi ad un concorso, e cosa di meno?
Mi piace l’adrenalina, il farmi vedere. Il concorso di bellezza è sempre interessante perchè noi miss possiamo mostrarci in un contesto bello e diverso, una sorta di favola dove siamo principesse e godiamo di quei momenti unici in spensieratezza
La cosa che mi piace di meno è invece essere giudicata perchè credo che tutte le partecipanti siano meritevoli, vorrei che tutte avessero un premio…ma ovviamente non è possibile, è una gara! (ride).

Che ricordi hai del tuo primo concorso?
Ho iniziato tardi! Il primo a cui ho partecipato, spinta dal mio amico “manager” di Pescara, Antonio, è stato Miss Trans Abruzzo, quest’anno, e anche li ho vinto la fascia di Miss Trans Web. Ero emozionata, ma è andata bene.

E la tua famiglia, come ha reagito alle tue vittorie? Ti sostiene?
Certo! Ho un buon rapporto con loro. I miei genitori vivono ancora in Brasile e sono divorziati, ognuno si è però rifatto la vita con altre persone: ho una bella famiglia allargata adesso!
Credo che la famiglia sia la base di tutto, io non ho mai avuto problemi con loro per il mio essere trans: fin da piccola ero femminile e amavo truccarmi e vestirmi con gli abiti di mia mamma…ballare, giocare con le bambole. Non li ha sorpresi più di tanto quando ho deciso di intraprendere il percorso di transizione.

Come è andata esattamente?
Come ti dicevo, fin da piccola sentivo di essere femmina, poi, crescendo, in adolescenza mi sono accorta che si, mi piacevano i ragazzini maschi ma mi mancava comunque qualcosa, mi sentivo incompleta. In seguito, conoscendo persone e leggendo, ho capito che c’era una soluzione per quello che sentivo di essere. Nel 2009, quando sono arrivata in Italia, ero ancora un maschietto, ed ho quindi iniziato la mia transizione qui, seguita anche da un analista, a 24 anni: se potessi tornare indietro, però, lo farei prima.

Che progetti hai per il futuro?
Beh, sicuramente continuerò a partecipare ai concorsi…anche se il tempo stringe! (ride). Il mio sogno è diventare una Miss, ma principalmente è divertirmi. Il mio vero obiettivo è arrivare serena in tutti i sensi alla mia vecchiaia, tranquilla e contenta del mio percorso di vita.

Salva

Salva