Quando ad una seducente bellezza si abbina un’anima lucente e ricca di sensibilità, allora il risultato finale è soprprendente. Abbiamo avuto un’interessante conversazione con la transgender escort Trans Evolution, scopritela insieme a noi.

Quando hai sentito la “vocazione” o il bisogno di fare la Escort?
Ho iniziato a 18 anni, sia perchè avevo bisogno di rendermi indipendente economicamente, sia perchè avevo bisogno di “conferme” dal pubblico maschile: volevo “ritrovarmi” attraverso la prostituzione.

Cosa è per te il sesso?
Per me è il sesso è un amalagamarsi di animalità, sensualità e calore.

Cosa ti piace di più in ciò che fai?
La cosa che mi piace di più è il rapporto mentale che si instaura con il cliente. E’ fatto di scambi interiori, molto spesso razionali.

Cosa ti piace di meno, se c’è, in ciò che fai?
Non mi piacciono le persone poco amorevoli, scontate, maleducate e poco rispettose della dignità altrui. La mia dignità è parte di me e talvolta purtroppo capita che alcuni si sentano in diritto di “calpestarti” e trattarti male. Sono situazioni spiacevoli, ma che so affrontare con il giusto atteggiamento.

Cosa cercano maggiormente le persone da una Escort?
La maggior parte cerca semplicemente il bisogno di appagarsi finiscamente, molti vengono per scaricare le loro nevrosi ed inquietudini, a sfogare i loro bisogni. Con qualche eccezione.

Quale eccezione?
Tutti noi, come esseri umani, abbiamo profondamente bisogno di “incontrare” l’altro, e ho visto che a volte tra i clienti ci sono persone che pur non avendo piena consapevolezza di questa loro necessità interiore, si rivolgono alle escort, cercando ascolto e compagnia. Cercano una specie di confronto: è come un ritrovarsi nell’altra persona che è specchio di te.

Ne hai trovati molti, di clienti interessati ad un incontro anche di anime?
Onestamente, nella mia lunga carriera ne ho visti pochi che avevano voglia di lasciarsi andare oltre ad un semplice rapporto sessuale senza coinvolgimento, fatto per lo più di fisicità “spicciola”.
La maggior parte preferisce stare in uno stato di superficialità che di profondità.

Pensi che un giorno smetterai di fare la Escort e se si, quando?
A me non dispiace il mio lavoro, però a volte lo sento impegnativo e un po’ pesante dunque spero di poter smettere in un futuro. Sono alla ricerca dei miei talenti interiori, ancora devo scoprire esattamente quali sono, ma ci sto lavorando. Allora, forse, smetterò.

Hai avuto un’amica che ti ha introdotto in questa attività?
No, è una cosa nata da me. Nel tempo ho forse avuto “maestre” indirette, nel senso che essendo io una persona molto istintiva ed intuitiva, ho osservato e ho capito cosa era meglio fare.

Qual’è la soddisfazione più grande che hai avuto?
Può sembrare banale ma non lo è: la mia più grande soddisfazione è di essere viva. So di avere un buon cuore e una buona intelligenza che mi rende sempre più consapevole di chi sono io e di che cosa è la vita.

Raccontami un episodio veramente curioso o singolare che ti è accaduto.
Di episodi curiosi, buffi e anche spiacevoli ce ne sono stati tantissimi. La mente umana è molto curiosa e spazia ovunque e non si finisce mai di rimanere stupiti dalle richieste che possono esserti fatte svolgendo questo lavoro. Ma non vorrei soffermarmi su questo, secondo me la chiave di tutto sta nell’evolversi, nel non chiedere alla vita di adeguarsi a te ma tu di adeguarti a lei.

Grazie Trans Evolution per le tue splendide parole e a presto!

Salva