Mauro Braga, 26enne della provincia di Mantova è la nuova promessa del porno etero italiano. Vivaci occhi azzurri, voce calda e fisico prestante, è stato ospite nella villa di Rocco Siffredi a Budapest, dove ha appreso i segreti per diventare un attore hard e ha grandi progetti per il futuro. Quali? Scopritelo insieme a noi!

Intervista a Mauro Braga, il nuovo volto del cinema hard!Ciao Mauro, è un piacere incontrarti, raccontaci di te.
Ciao a tutti. Sono nato 26 anni fa nella campagna della provincia di Mantova, ho l’animo un po’ “contadino” (sorride). Prima lavoravo come operaio ma ora mi dedico completamente al lavoro di porno attore. Nella vita, non ho hobby veri e propri…ma ho una grande passione per la musica di Vasco Rossi, che amo follemente!

Come sei entrato nel mondo dell’hard, come mai questa scelta?
Fin da quando avevo 11 anni ricordo che vivevo a “porno&Vasco”; questo mondo mi affascinava tantissimo. In realtà avevo un po’ di insicurezza, pensavo se ero adatto o meno…poi finita la relazione che avevo, ho deciso d’inseguire il mio sogno! Ho iniziato leggendo gli annunci online dei casting delle varie case di produzione e ho fatto un provino alla CentoxCento Produzioni: sono loro che mi hanno lanciato in questo mondo e li ringrazio.

La tua famiglia e i tuoi amici cosa ne pensano del tuo nuovo lavoro?
La mia famiglia ha reagito bene, all’inizio han detto loro perché avevo mollato un lavoro sicuro per inseguire un’incertezza…ora invece ci scherziamo su, è tutto tranquillo. Per gli amici…diventi un po’ il personaggio della compagnia!

Recentemente sei stato ospite nella villa di Rocco Siffredi a Budapest, per uno stage. Come è stato l’incontro con il Maestro?
E’ stato magico, emozionante. Lui è veramente una persona squisita, fantastica, umile soprattutto. Non mi sembrava di parlare con la star mondiale del porno ma con un vicino di casa, è di una semplicità e umiltà incredibile. E’ sempre disponibile a dare consigli, capire dove vuoi arrivare, se quello che vuoi fare è adatto a te, se devi migliorare. Lui e sua moglie sono gentilissimi, ho conosciuto anche suo figlio, sono una famiglia splendida.

Cosa ti ha insegnato?
Mi ha insegnato soprattutto l’umiltà che è indispensabile in questo lavoro, insieme alla passione. Poi tante cose tecniche: come essere a favore della camera, come continuare una scena…da questo punto di vista è stato molto impegnativo. Ma più che altro mi ha formato molto psicologicamente, è stato un grande!

Intervista a Mauro Braga, il nuovo volto del cinema hard!Che caratteristiche deve avere per te un bravo attore hard?
Devi avere grande passione. Chi pensa di andare sul set porno per farsi una “scopata” sbaglia completamente. Non devi neanche guardare se l’attrice ti piace o meno, tu devi andare a far quello che devi fare e farlo come ti dicono. Serve un grande rispetto per l’attrice, perché non sono missili da monta, sono professioniste che vanno rispettate e bisogna cercare di trovare l’intesa, in modo da portar a casa il miglior risultato possibile.
Ah, e come dice Rocco, serve anche ironia che non guasta mai, bisogna essere alla mano!

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?
Amo proprio l’atto, il sesso. Il sesso è la mia vita, e penso che farlo sia un’arte. Fin dall’antichità è sempre stato il centro dell’uomo. Io sono cresciuto con questa indole, con questa voglia, mi sono sempre fatto fantasie che so, sulla panettiera, sulla commessa…(ride)

Quanti film hai girato fino adesso?
All’attivo ho 5 film con la CentoxCento e a breve inizio una produzione in Germania. Sono entusiasta di iniziare a girare a livelli più professionali rispetto agli amatoriali, anche se non sono improvvisati e anche in quelli c’è della tecnica nella realizzazione.

Entriamo nel piccante…come è andata la prima volta sul set?
E’ stata dura perché non sapevo come muovermi, non sapevo le posizioni da assumere in modo da essere sempre a favore di camera. Non sapevo neanche “ascoltare” bene l’attrice essendo la mia prima esperienza! Però, come si dice “l’ho portata a casa” e piano piano con un po’ di pazienza l’ho finita. Poi è un abituarsi e un crescere costante.

Ti è mai capitato di legarti emotivamente a colleghi con cui hai girato?
Assolutamente no. Per me è solo lavoro e la vita privata è a parte, sono fiscale nel non mescolare le due cose. C’è il Mauro attore/personaggio e il Mauro che ha la sua vita, i suoi amici e le sue frequentazioni (sorride)

Mi racconti un episodio curioso che ti è capitato girando un film?
Ho un aneddoto divertente: la prima volta che ho fatto una doppia anale! E’ una scena molto faticosa, non è che si sente tanto e serve una concentrazione pazzesca. L’attrice ad un certo punto dice “stasera faccio a meno del Bifidus Actiregularis!” e niente…sono scoppiato a ridere fortissimo e abbiamo dovuto interrompere la scena (ride al ricordo).

Intervista a Mauro Braga, il nuovo volto del cinema hard!E dimmi…quale è la tua posizione preferita?
Guarda, ti dico…il mondo del sesso mi piace a 360 gradi quindi sceglierne una…dai, ti dico la pecora o il missionario…non faccio troppe acrobazie…però spingo! (ride)

Un’attrice con cui ti piacerebbe girare?
Mi piace tantissimo Malena e spero tutta la vita di poter girare con lei, è una persona splendida!

Progetti per il futuro?
Sicuramente l’Academy di Rocco Siffredi e poi sogno di sbarcare nelle grandi produzioni americane, dando il massimo e dimostrando quello che sono capace di dare, sempre con umiltà. Intanto, sono felicissimo di girare per Siffredi, perché è il mio mito fin da piccolo e sono cresciuto guardando tutti i suoi film!

Qualcosa di mi dice che riuscirai a realizzare i tuoi sogni. Vuoi aggiungere qualcosa?
Si, io vado molto d’accordo con le donne e le ascolto moltissimo. Una cosa che ho notato, è che tante si lamentano del fatto che l’uomo non le sa fare più godere, probabilmente perché guardano troppi porno. Invece, bisogna scindere la vita reale dal porno, che è fondamentalmente finzione.
Il consiglio che vorrei dare è questo: uomini, nella vita reale ascoltate le vostre donne quando le portate a letto, fatele sentire vostre, uniche, quella notte lei deve pensare solo a voi. Dedicatevi a loro, sentite dove provano piacere…siate meno Rocco Siffredi e più voi stessi e metteteci del vostro quando lo fate…e soprattutto…rispettatele sempre!

Uno splendido pensiero che, da donna, mi sento di condividere in pieno! Grazie Mauro Braga per essere stato con noi e in bocca al lupo per il tuo futuro!