Nel corso dei secoli le donne sono state relegate in cucina e nella stanza dei bambini, con funzioni di serve e balie. Sono poche quelle che sono entrate nella camera da letto e nella sala del trono del re.
La maggior parte di quelle che furono amanti di sovrani e principi, anche per una o poche notti, rimangono sconosciute, mentre di quelle note, sono spesso sconosciuti vizi e virtù.
Sulle amanti ufficiali dei re vi è una scarsa ed incerta documentazione, sovente manipolata o distrutta per volontà delle stesse famiglie reali. Tuttavia di alcune favorite rimangono notizie certe.
Dalla lettura di atti storici, ci accorgiamo che le amanti che ci troviamo di fronte non sono esattamente come ce le eravamo aspettate. Alcune sono effettivamente giovani e sensuali, altre sono materne e rassicuranti, altre ancora sono bruttine ma piene di erotismo o sex-appeal.
Queste donne, osservate con molta attenzione storica, mettono a nudo vizi terribili.

IL VIZIO MINORE: Alice Perres
Il più diffuso fu l’avidità: Alice Perres sfilò preziosi anelli dalle dita di Edoardo III quando morì.

IL VIZIO MINORE: Edoardo III
Lady Castlemaine ottenne una quantità esagerata di denaro, di argenteria, di gioielli, di terreni e di rendite.

IL VIZIO MINORE: Lady Castlemaine
Carlo II le diede così tante ricchezze che non restarono i fondi necessari per pagare soldati e marinai.

IL VIZIO MINORE: Carlo II
Madame du Barry si faceva ricoprire di oro e gioielli mentre il popolo francese moriva di fame.

IL VIZIO MINORE: Madame du Barry
Un altro vizio fu l’intrigo spietato: le sorelle
Mailly-Nesle pronte a scalzarsi a vicenda, per sostituirsi l’una con l’altra nel letto del re.

IL VIZIO MINORE: una delle sorelle Mailly-Nesle
Madame de Montespan versava schifose pozioni a base di escrementi di rospo, intestini di bambini e sangue di feti umani nel cibo del re, per conservare il suo amore attraverso la magia nera.

IL VIZIO MINORE: Madame de Montespan
Un terzo vizio, ma solo per enumerazione, fu la sfrenata ambizione.

IL VIZIO MINORE: Bianca Cappello
Per questo ricordiamo Bianca Cappello e Lola Montez.

IL VIZIO MINORE: Lola Montez
Citiamo anche Wallis Warfield Simpson, che suscitò lo sdegno di intere nazioni e rovinò i rispettivi amanti per raggiungere le proprie mire.

IL VIZIO MINORE: Wallis Warfield Simpson
Questi vizi procurarono dolore nelle mogli dei loro amanti. Così ricordiamo: Caterina di Braganza, moglie di Carlo II che svenne con il sangue al naso dopo avere incontrato Lady Castlemaine.

IL VIZIO MINORE: Caterina di Braganza
La regina Maria, moglie di Luigi XV, che pianse di fronte alla più giovane, più bella, più vivace Madame de Pompadour.

IL VIZIO MINORE: Maria
Lady Diana che si ammalò di bulimia e rigettava il cibo nel gabinetto quando si accorse che il principe Carlo amava Camilla.

IL VIZIO MINORE: Lady Diana
E’ dunque senza aspettativa sperare nell’amore sul campo di battaglia dell’invidia, dell’ambizione e dell’adulterio? C’è il primato dell’amore sulla ricchezza ed il potere?
Rispondiamo con un acuto pensiero di un ignoto cortigiano del 1700 : “il vero obiettivo dell’amante reale è trovare gloria in un prostituirsi che fa parte della storia”.
Tuttavia, in quell’intreccio di sentimenti ed emozioni, fatti di luce ed ombre, di bene e di male che è la natura umana, ci sono anche molte virtù: pazienza, coraggio, intelligenza, generosità, fedeltà.

IL VIZIO MINORE: Agnès Sorel
Agnès Sorel persuase Carlo VII a cacciare gli inglesi dalla Francia.

IL VIZIO MINORE: Gabrielle d'Estrées
Gabrielle d’Estrées andava sul campo di battaglia per restare a fianco di Enrico IV e pose fine ad una sanguinosa guerra civile con maestria diplomatica.

IL VIZIO MINORE: Madame de Pompadour
Madame de Pompadour fu la mecenate di pittori e scrittori e mise a disposizione i propri beni per costruire ospedali e pagare i soldati di Luigi XV.

IL VIZIO MINORE: Wilhelmine Rietz
Wilhelmine Rietz fu disposta ad affrontare la prigione, o forse addirittura la morte, pur di non lasciare che Federico Guglielmo II morisse senza averla accanto.

IL VIZIO MINORE: Maria Walewska
Maria Walewska fu cabbandonata da Napoleone Bonaparte quando era incinta di suo figlio. Si recò però a fargli visita all’isola d’Elba per ricongiungersi a lui, quando fu costretto all’esilio.

IL VIZIO MINORE: Maria Luisa
Napoleone era stato dimenticato dalla consorte, Maria Luisa, e da tanti servili cortigiani dei bei tempi passati.

IL VIZIO MINORE: Katharina Schratt
Katharina Schratt leggeva dispacci di Stato all’ottantenne imperatore Francesco Giuseppe, la cui vista si era fortemente indebolita.

IL VIZIO MINORE: Francesco Giuseppe
Questo gli rese meno penose le notizie che venivano dal fronte di una guerra che il suo impero avrebbe perso, ponendo fine alla sua dinastia.

IL VIZIO MINORE: Camilla Parker-Bowles
Camilla Parker-Bowles offrì consigli e amorevole aiuto a al principe Carlo, un uomo combattuto tra il dovere e l’amore.
Dunque, non è tutto oro quel che luccica e spesso per non vedere la verità abbassiamo gli occhi davanti al potere ed al desiderio.
Eppure, gli idoli che ci avevano collocato davanti le illusioni dei sensi sono caduti, distrutti dall’esperienza della storia, che si ripete in cicli continui e basta guardare nel buio per trovare la luce.