Costume & società News cultura

Il 17 Maggio: Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia

Share:

La Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia, la transfobia, il cui nome originario è International Day Against Homophobia, Transphobia Biphobia è una ricorrenza promossa dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia, riconosciuta dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite e dal 17 maggio del 2004 si celebra in 130 paesi con l’obiettivo di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia.

Ideata da Louis-Georges Tin, curatore del Dictionnaire de l’homophobie (Presses Universitaires de France, 2003), la prima Giornata internazionale contro l’omofobia si è svolta il 17 maggio 2004, ben 14 anni dopo decisione (17 maggio 1990) di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Nel 2007, in seguito ad alcune dichiarazioni di autorità polacche contro la comunità LGBT, l’Unione europea ha istituito ufficialmente la giornata contro l’omofobia sul suo territorio. Alcuni estratti del testo approvato:

Il Parlamento europeo ribadisce il suo invito a tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell’Unione europea senza discriminazioni.

(art 8)

[…] condanna i commenti discriminatori formulati da dirigenti politici e religiosi nei confronti degli omosessuali, in quanto alimentano l’odio e la violenza, anche se ritirati in un secondo tempo, e chiede alle gerarchie delle rispettive organizzazioni di condannarli.

(art 10)

Nel 2009 la campagna IDAHO viene incentrata sulla transfobia, ed in particolare sugli atti di violenza contro le persone transgender. Il nome ufficiale diventa pertanto “Giornata Internazionale contro l’omofobia e la transfobia” (International Day Against Homophobia and Transphobia).

Nel 2015 viene aggiunta anche la bifobia negli obiettivi della campagna. Intorno al 2020 si inizia a parlare più completamente di omolesbobitransfobia (homolesbobitransphobia), quindi integrando la lesbofobia alla dicitura.

Dal sito del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale:

Sono ancora numerosi gli Stati in cui le persone LGBTIQ+ continuano a patire discriminazioni, marginalizzazione, abusi e violenze, sperimentando una sistematica violazione dei loro diritti fondamentali.  In molti casi le stesse relazioni consenzienti fra persone adulte del medesimo sesso sono considerate reato, punibile anche con la pena di morte. L’Italia promuove i diritti umani e le libertà fondamentali delle persone LGBTIQ+ in tutti i fora multilaterali competenti – a livello europeo e internazionale – e nelle relazioni bilaterali con gli altri Paesi, agendo per la rimozione di quelle barriere che impediscono loro di godere pienamente dei diritti civili, politici, economici, sociali e culturali. La lotta contro tutte le forme di discriminazione, incluse quelle fondate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, ha rappresentato una priorità del nostro recente mandato nel Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite (2019-2021) ed è anche al centro del nostro attuale Semestre di Presidenza del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. Sosteniamo il mandato dell’Esperto Indipendente delle Nazioni Unite per la protezione contro la violenza e la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere (SOGI) e abbiamo aderito al relativo “Gruppo di Paesi Amici”. Insieme ai partner dell’Unione Europea, inoltre, abbiamo contribuito all’adozione del Piano d’azione UE sui diritti umani e la democrazia (2020-2024) che include uno specifico impegno delle Istituzioni europee e degli Stati Membri per prevenire e combattere tutte le forme di discriminazione nei confronti delle persone LGBTIQ+ e alla Strategia per l’uguaglianza LGBTIQ+ 2020-2025.

L’Italia è anche membro della principale coalizione internazionale per promuovere i diritti delle persone LGBTIQ+ nel mondo, la Equal Rights Coalition.

Dalle parole del Presidente Giorgio Napolitano nel 2013: “Come ho più volte ribadito la denuncia e il contrasto all’omofobia devono costituire un impegno fermo e costante non solo per le istituzioni ma per la società tutta”.

FONTE IMMAGINE: https://abitarearoma.it/giornata-internazionale-contro-lomolesbobitransfobia

NUMA