GLAAD Media Awards: un arcobaleno sempre più coloratoSin dal 1990, anno in cui furono istituiti, i GLAAD Media Awards premiano i media per rappresentazioni eque, accurate e inclusive delle persone e dei problemi LGBT+. Assegnati dalla Gay & Lesbian Alliance Against Defamation alle persone e alle produzioni dell’intrattenimento, sono un’appuntamento fisso e imperdibile. La 31esime edizione, che per la prima volta in assoluto si è tenuta con una cerimonia virtuale, è stata ospitata da Fortune Feimster e Gina Yashere.

Lo spettacolo annuale di premi LGBT+ più visibile al mondo, è sempre stato importante ma quest’anno più che mai. Infatti, questi premi hanno sempre alzato l’asticella di inclusione della comunità LGBT+ nei media.  Hanno sempre inviato, inviano e speriamo che continueranno a inviare messaggi di accettazione al pubblico di tutto il mondo. Le persone LGBT+, soprattutto i giovani, sono ancora costrette a isolarsi in casa e in spazi nascosti. Proprio per questo, le rappresentazioni multimediali LGBT+ sono ancore di salvezza per loro.

GLAAD Media Awards: un arcobaleno sempre più coloratoDurante la serata, caratterizzata da emozioni forti e colpi di scena, si sono esibite le Chloe x Halle. Per rendere lo spettacolo ancora più unico sono state affiancate da alcune delle leggende di Drag Race. Inoltre per incanalare maggiormente lo spirito LGBT+, le cantanti hanno deciso di cantare il loro ultimo singolo ‘Do It’ vestite come le principesse pop inglesi, le Spice Girls. Con l’aiuto appunto delle queen più amate della Race, Miss Vanjie, Naomi Smalls e Mayhem Miller, lo spettacolo è stato davvero emozionante. “Siamo così orgogliose di stare al fianco della nostra famiglia LGBT+ ai GLAAD Awards quest’anno. Grazie a queste queen per esserci state accanto!” hanno twittato dal loro account ufficiale.

Oltre a questa esibizione, tra gli highlights della serata va menzionata l’apparizione di Dwyane Wade e Gabrielle Union. La coppia ha ringraziato pubblicamente la figlia Zaya per averli resi partecipi e alleati del suo percorso. Insieme hanno poi consegnato il premio per la miglior Outstanding Drama Series a Pose, dopo che il cast trans, di colore e latino dello show è stato snobbato dagli Emmy.

Altre menzioni vanno ai vincitori Lil Nas X per il premio Oustanding Musical Artist e Schitt’s Creek per il premio Oustanding Comedy.

GLAAD Media Awards: un arcobaleno sempre più coloratoImportante anche l’intervento di Demi Lovato, da sempre alleata della comunità arcobaleno “Non è mai stato più importante di così celebrare l’accelerazione dell’accettazione per la comunità LGBT+. Specialmente per le persone trans di colore che affrontano oltraggiose discriminazioni e pericoli.” Il video messaggio continua poi rivolgendosi ai giovani “Voglio assicurarmi che sappiate tutti che voi giovani trans valete. So che le cose sono pazzescamente dure adesso e che forse non avete la vostra solita rete di supporto intorno a voi. Ma non lasciate che nessuno, specialmente il nostro governo, vi inganni. Vogliono farvi pensare che siete tutt’altro che perfetti e non siete destinati ad esserlo ma non è così.

Ha poi concluso presentando l’esibizione di Shea Diamond, cantante e attivista per i diritti transSiate orgogliosi di chi siete! Tenete le vostre voci alti e forti. Stiamo combattendo per voi. Se mai aveste dei dubbi, ascoltate la performance di Shea Diamond!“.

Come previsto, nonostante le restrizioni e il periodo difficile che viviamo in tutto il mondo, anche questa edizione dei GLAAD Awards è stata unica e indimenticabile.

Segui i nostri hashtag:

#coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam

Condividi