Ha iniziato la sua carriera con una campagna di Barney fotografata da Bruce Weber e sfilando in passerella per Gypsy Sport alla settimana della moda di New York: così Laith Ashley, modello FtoM, si è imposto come uno dei primi modelli maschili transgender ad apparire in una campagna nazionale ed è rappresentato da Slay, la prima agenzia per i modelli e modelle trans. Con la sua figura atletica e il suo fascino unico, abbiamo intervistato questa stella dell’alta moda.

Ciao Laith Ashley, è un piacere, raccontaci un po’ di te.
Ciao a tutti. Ho 26 anni e ho studiato Psicologia alla Fairfield University nel Connecticut. Nel tempo libero mi piace sfuggire alla realtà guardando film, soprattutto commedie romantiche.

Quando ti sei reso conto di essere transgender?
Non sapevo cosa significasse fino a quando non ho compiuto 19 anni. Tuttavia, a 4 o 5 anni sapevo solo che c’era qualcosa di diverso in me.

Com’è stato crescere come un bambino transgender negli Stati Uniti?
Crescere trans negli Stati Uniti non è stato così difficile, soprattutto per me perché sono stato in grado di esprimermi senza obiezioni da parte della mia famiglia e di quelli a me vicini.

Qual è stata la parte più difficile del tuo viaggio?
La parte più difficile del mio viaggio è stato venire a patti con chi sono e le mie convinzioni religiose personali. Crescendo cristiano, mi è stato insegnato che l’omosessualità e qualsiasi cosa all’interno di quel sottoinsieme era peccaminosa, così ho interiorizzato chi ero. Comunque ora trovato pace in entrambi.

Cosa significa per te la mascolinità?
Per me, la mascolinità è la capacità di verbalizzare chi sei, i tuoi sentimenti e le tue emozioni, senza la paura o la sensazione di essere legato alle aspettative della società.

Come ti descriveresti in tre parole?
Sensibile, forte e sexy, a volte (sorride).

Qual è il tuo segreto di bellezza?
Bevo molta acqua e idratazione, idratazione, idratazione!

Quante volte alla settimana ti alleni e cosa fai?
Molte persone hanno l’idea sbagliata che sia tutto testosterone ma se così fosse, allora tutti quelli che lo hanno usato sarebbero in forma. Ma la verità è che sono stato un atleta per tutta la vita, credo che sia quello che mi ha dato le basi del fisico che ho oggi. Ero un pugile in tenera età e mio padre mi ha incoraggiato in tutti gli sport che ho fatto. Attualmente, mi alleno 4-5 volte a settimana, faccio cardio 3-4 volte e sollevamento pesi ogni giorno. Lavoro spesso un muscolo diverso al giorno.

Qual è il tuo sport preferito?
Il basket è stato il mio primo amore, e lo è ancora.

Qual è la tua parte del corpo preferita e quella meno?
Mi piacciono molto le mie labbra e ci sono giorni in cui non mi piace il mio naso. Ma so che ogni persona ha qualcosa che non gli piace di se stessa o qualcosa che vorrebbe poter cambiare.

Cosa rende sexy un uomo o una donna?
Fiducia e stare con i piedi per terra…ma ovviamente un bel viso e un corpo in forma non guastano! (ride)

Il miglior consiglio che qualcuno ti ha dato?
Devi accettare che bene e male convivono. Molte volte ho voluto bloccare il male o ero pronto a reagire a molti commenti negativi ma ho imparato che devo accettare entrambi e, soprattutto, imparare da entrambi.

A quali top model ti sei ispirato quando hai iniziato la tua carriera?
Francisco Lachowski e Rob Evans. Ma anche Omahyra Mota e Azmarie Livingston.

Dove vorresti essere tra 10 anni?
Vorrei ancora fare il modello e forse espandermi nel mondo del cinema o della musica o ovunque posso esprimere il mio talento creativo.

Grazie Laith Ashley e in bocca al lupo per tutto!

Inoltre guarda subito tutte le nostre video interviste su Il Piccole Magazine.tv!

Condividi