Florence Queer Festival 2020: la 18ª edizione sarà dal vivo e online Costume & società

Florence Queer Festival 2020: la 18ª edizione sarà dal vivo e online

Share:

Florence Queer Festival 2020: la 18ª edizione sarà dal vivo e onlineDal 13 al 18 ottobre torna, con una veste inedita e riadattata alle nuove norme, il Florence Queer Festival. Il ricchissimo appuntamento internazionale di cultura LGBT+ si snoda tra cinema, mostre, incontri ed eventi, con un programma ricco di incontri. La 18ª edizione della kermesse diretta da Bruno Casini e Roberta Vannucci, si presenta con un format nuovo, che affianca alle consuete proiezioni in sala al cinema ‘La Compagnia‘ di Firenze, quelle online nella sala virtualePiù Compagnia‘.
Il Festival quindi si propone di superare le distanze e creare un’importante occasione di partecipazione.

Si aggiungono al programma poi le presentazioni di libri e i dibattiti con la sezione Queer Focus online e due mostre. ‘Supera le distanze‘ in collaborazione con Ied, Istituto Europeo di Design di Firenze e ‘SuperWomen‘ di Lediesis, in collaborazione con MUS.E Firenze e il Festival dei Diritti del Comune di Firenze. Ci saranno anche dj set e il Dragqueen show al Twist Bistro del Cinema ‘La Compagnia‘.

Florence Queer Festival 2020: la 18ª edizione sarà dal vivo e onlineI veri protagonisti del Festival ovviamente saranno i film, 17 inclusi nel programma di quest’anno e di questi 10 in concorso. Ricche le sezioni ‘Videoqueer‘ con cortometraggi a tema e quella ‘Lgbtq Senior Life‘ che include titoli che affrontano il tema dell’omosessualità nella terza età. Numerose anche le anteprime, come quella del documentario sull’ascesa e la caduta dell’iconico scrittore gay Truman Capote intitolato The Capote Tapes; oppure quella sulla storia del magazine Curve che ha sempre offerto una rappresentazione visionaria e ostinata della vita lesbica, intitolato Ahead of the Curve e il documentario italiano Baci rubati di Fabrizio Laurenti e Gabriella Romano che analizza la situazione delle persone LGBT+ durante il fascismo. Non mancheranno anche i documentari musicali e molte altre novità.

Il Festival sarà inaugurato martedì 13 ottobre alle 21, sia online che dal vivo, da Il caso Braibanti di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese. Il lavoro è dedicato alla figura di Aldo Braibanti, partigiano, poeta, drammaturgo e secondo molti ‘genio straordinario’, ricordato soprattutto per il processo a cui fu sottoposto con l’accusa di aver plagiato un ragazzo.

Il programma come anticipato è davvero ricco…non ci resta che augurarvi buona visione!

Per maggiori info visita il sito del Festival, clicca qui!

Segui i nostri hashtag:

#coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam