Interviste

Ciak a Napoli no camorra

Share:

La famosa organizzatrice di eventi Stefania Zambrano esordisce nell’inedita veste di produttrice cinematografica con un cortometraggio a tema sociale che la conferma come una comunicatrice attenta nel divulgare i valori della libertà . L’inizio delle riprese, fissate a calendario per il 7 e 8 marzo, ha visto come due protagonisti il collaboratore di giustizia Gennaro Panzuto e l’ex detenuta Titti Mure.

Gennaro è stato sin da subito coinvolgente nel parlare di Napoli , tanto bella quanto “complicata ” nella gestione delle difficoltà quotidiane; Titti, che ha pagato con dignità per i reati commessi, ferma il tempo sulla straziante testimonianza della perdita del marito Salvatore Vigna, strappatole via dalla Camorra il 12 maggio 2015. Lei oggi non cerca nè giustizia nè vendetta, resta neutrale!

Dopo qualche mese dall’accaduto, Titti incontra una persona, un amore…e uno stimolo ulteriore per cambiare vita! Titti incontra Stefania e nel confronto tra loro nasce uno slogan forte verso chi abbassa la testa: “chi si pente non conosce la parola omertà!” Le riprese riprendono nei giorni 19, 20 e 21 marzo con l’incontro ad alto contenuto emozionale con la famiglia di Francesco Pio Maimone, che si interroga, affranta, su una vita terminata a soli 18 anni apparentemente senza una motivazione e collegamento con i fatti.

Papà Antonio e mamma Concetta invitano il giorno 20 marzo alle 17.00 tutto il popolo napoletano alla funzione commemorativa organizzata per ricordare il figlio, il loro “piccolo ” Francesco Pio ad un anno dall’assurda scomparsa. La messa sarà celebrata in Via Montagna Spaccata 123, nella basilica di San Lorenzo. Chiunque parteciperà al ricordo indelebile della famiglia sarà il benvenuto!

Questa rappresentazione a tema “No alla Camorra” sarà il veicolo per l’inserimento di altre storie; l’ideatrice Stefania Zambrano si farà coadiuvare dal regista Ciro Grieco, dall’aiuto regista Adriano Vallafuoco e da Antonella Cardillo al trucco e parrucco, audio Angelo Pezone La prima uscita, a lavoro terminato, vedrà l’esordio al cinema.