L’Oscar del porno come miglior attrice trans

Aubrey Kate, 26 anni, ha vinto l’Oscar del porno come migliore attrice transessuale dell’anno. Il premio le è stato consegnato sul palco di Las Vegas, dove si è presentata a ritirarlo con uno strepitoso abito da sera, che metteva in evidenza il meglio della sua figura di cm.178, incorniciata dai lunghi capelli biondi che evidenziavano le acque marine degli occhi.
Aubrey Kate ha esordito nel mondo del cinema nel 2013 alla corte della rinomata Evil Angel, per poi approdare nel genere Transsensual con registe del valore di Dana Vespoli e Nica Noelle.
E’ la stessa Aubrey Kate che racconta il suo percorso iniziato quando aveva 4 anni ed indossava le calzamaglie della zia, per poi arrivare al travestimento completo all’età di 17 anni.
Nel 2012 ha effettuato l’operazione al seno con cui ha concluso una trasformazione definitiva.
Il suo fisico sinuoso e flessuoso, cresciuto fin da bambina con l’esercizio della danza, l’ha consacrata una stella della lap-dance nell’esclusivo circuito di Las Vegas, città nella quale ha frequentato il college.
Quella di Aubrey Kate è stata una carriera percorsa sulle ali di un successo spontaneo e quasi naturale, dove ogni traguardo è arrivato sullo slancio di una spinta inarrestabile.
Non sono però mancati episodi dolorosi, come la infondata notizia, dilagata via twitter, che lei fosse siero positiva.

d00ed877a62389b91e39a52bd084e9d5
Le bugie, come si suole dire, hanno le gambe corte e ben presto Aubrey Kate ha dimostrato, carte alla mano, quindi analisi su analisi, che la notizia era una feroce cattiveria contro la sua carriera.
Infatti, chiarito questo passaggio, è diventata la stella del settore trans di kink.com, dove le sue prestazioni le hanno valso riconoscimenti universali.
Le sue colleghe preferite sulla scena cinematografica sono le attrici Phoenix Marie e Katrina Jade, anche se il suo compagno ideale era Alexander Gustavo, che purtroppo si è tolto la vita lo scorso dicembre.
Aubrey svolge la propria attività tra Las Vegas, Los Angeles e San Francisco, ma dopo l’importante premio AVN Awards vorrebbe aprire una casa di produzione cinematografica e gestire una agenzia per trovare nuovi talenti.
Lei che è stata un autentico talento naturale, ripete spesso che non deve niente a nessuno, vorrebbe mettere a disposizione anche di altre, meno dotate, ciò che la natura le ha generosamente profuso.