Culture e tradizioni, inclusione e varietà…gli Stati Uniti sono per eccellenza il Paese più variopinto del mondo! Qui infatti la diversità è un valore e per far sentire tutti a casa, interi quartieri si sono tinti dei colori dell’arcobaleno. In questi si è liberi di essere ciò che si vuole, rispetto e dialogo sono fondamentali e il confronto è sempre costruttivo.
Ma esploriamoli insieme…America LGBT+: esploriamo insieme i quartieri arcobalenoPartiamo da West Hollywood, in California. Montagne, deserti e spiagge caratterizzano quest’area, e durante questo viaggio da sogno non può mancare la tappa a Los Angeles. E ovviamente è d’obbligo visitare il suo quartiere più scintillante: Hollywood. Noi però vogliamo soffermarci su West Hollywood, la città nella città. Un quartiere alla moda e colorato che ospita la comunità LGBT+ più florida degli USA. Il 40% dei residenti infatti fa parte della comunità arcobaleno e non c’è quindi da stupirsi se ogni anno al LA Pride Festival and Parade si riversano più di 400mila persone.

Un’altra manifestazione da non perdere è il One City One Pride, che si svolge a fine maggio. Questa celebra le arti visive e dello spettacolo LGBT+ con eventi gratuiti per tutta la città.
Se ci siete già stati, vale comunque farci tappa per riscoprire e fare una passeggiata sui famosi Sunset Boulevard e Sunset Strip e sorseggiare un cocktail in uno fra i più famosi gay-bar del mondo, il The Abbey.

America LGBT+: esploriamo insieme i quartieri arcobalenoPassiamo poi a uno dei primissimi quartieri LGBT+ degli States: Castro a San Francisco. Nato negli anni ’60, è luogo di ritrovo di molti giovani omosessuali soprattutto appartenenti alla controcultura hippie. Sin da subito si è rivelato come una vera e proprio ventata di libertà per tutto il Paese. Proprio qui nacque la simbolica bandiera arcobaleno, che da allora in poi ha rappresentato inclusività e uguaglianza in tutto il mondo.

I murales che si possono ammirare tra le strade del quartiere, in particolare Carlo Street, sfoggiano i colori della bandiera. tra questi non può mancare la foto davanti a quello dedicato all’attivista per i diritti LGBT+ Gilbert Baker sulla Main Street. Passeggiate sulla Rainbow Honor Walk, ideata per commemorare le figure di spicco del movimento…anche le strisce pedonali sono arcobaleno!

America LGBT+: esploriamo insieme i quartieri arcobalenoLa terza tappa è a Philadelphia, nel quartiere Gayborhood. Conosciuta come Washington Square West, è stata soprannominata in maniera più esplicita dai suoi abitanti. Il nuovo nome deriva infatti dalla fusione della parola ‘gay’ e ‘neighborhood’ e letteralmente significa ‘quartiere omosessuale’. Anche se può sembrare discriminatorio, in realtà è invece la zona più LGBT+ friendly del mondo. Sorta nel 2007, le sue strade pullulano di bar, nightclub, negozi, spa, ristoranti e ‘teatri per adulti’.

Tra i locali speciali c’è anche la più antica libreria LGBT+ della città, Philly Aids Thrift at Giovanni’s Room, che spesso organizza raccolte fondi e manifestazioni per la lotta contro l’AIDS.
In questo quartiere si tengono eventi importanti come l’OutFest Philadelphia e uno dei più grossi Gay Pride al mondo con la famosa parata da Broad Street al Penn’s Landing.

Curioso di visitarli? Allora organizza subito la tua vacanza arcobaleno!

Segui i nostri hashtag:
#coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam #diarioescort
#
incontritransexsexystar #videohot

Condividi