Ad Haiti nasce il primo centro di rifugiati per persone transHaiti è un Paese dei Caraibi che condivide l’isola con la Repubblica Domenicana, a est. Ancora provata dal terremoto del 2010, sta cercando di rimettersi in sesto e aiutare tutti i suoi cittadini, compresa la comunità LGBT+. Sebbene le discriminazioni e i pregiudizi, soprattutto contro le persone transgender siano piuttosto comuni, un’organizzazione spagnola ha deciso di dare un rifugio adeguato per far sentire queste persone sicure e protette. Il centro si chiama Kay Trans Haiti e ha sede nella capitale, a Port-au-Prince, ed è finanziato da un’azienda sanitari spagnola e dal Programma di sviluppo delle Nazioni Uniti.

Al momento fornisce alloggio e assistenza a 10 persone transgender ma pare proprio che sia destinato a crescere. Nasce per aiutare soprattutto le vittime di abusi, fornendo servizi gratuiti, tra cui uno psicologo. Consente ai residenti di soggiornare fino a un anno, pagando loro quindi un affitto, poi queste devono diventare autosufficienti.

Gli abitanti del quartiere dove si trova il centro, hanno raccontato che pian piano è diventato più accogliente nei confronti della comunità LGBT+. È stata creata una sorta di isola sicura in una città dove spesso le trans sono state protagoniste di azioni violente.

Ad Haiti nasce il primo centro di rifugiati per persone transLe minacce ricevute dalla comunità LGBT+ del Paese sono tante e purtroppo continuano ad arrivare. Negli anni tanti eventi sono stati annullati proprio per questo, come nel caso di un festival culturale LGBT+ nel 2016.

Inoltre nel 2017, il Senato di Haiti ha approvato due leggi contro gli haitiani LGBT+. Una di queste formalizzava il divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso e proibiva le manifestazioni pubbliche a favore dei diritti della comunità arcobaleno.

Ora, i residenti del centro Kay Trans Haiti possono portare con se i loro partner. Possono frequentare club e fare shopping senza paura di maltrattamenti da parte dei negozianti del quartiere, che sono diventati sempre più accoglienti e amichevoli.

Segui i nostri hashtag:

#coronavirus #iorestoacasaenonricevo #iorestoacasa #iostoacasa #iorestoincasa #incontriamociinsicurezza #webcam

Condividi